SINTONIA TRA EDUCATORI

Scritto da Redazione.

lettera figure 
Un gruppo di animatori ci chiede se e quanto è importante che tra educatori ci sia sempre sintonia personale.

 

“Siamo un’equipe di animazione in oratorio… Spesso ci siamo trovati a lavorare di squadra, pur essendo persone molto diverse… e qualche volta non siamo stati in sintonia. Ci siamo chiesti, quindi…. Quanto è importante che tra gli educatori di un gruppo di adolescenti ci sia feeling e affinità personale? E’ possibile intraprendere questo percorso quando non c’è una perfetta intesa tra educatori, senza che questo abbia ripercussioni negative sui ragazzi?”

 

RISPONDE LO SPIAZZO

 

E’ importante, prima di tutto, ragionare sul concetto di relazione. La relazione è un percorso graduale, che non ha a che fare solo con i ragazzi che incontriamo, ma riguarda anche noi stessi educatori. Sia quando c’è armonia in equipe, sia quando insorgono delle difficoltà, anche noi dovremmo educarci e formarci alla relazione.

 

In maniera provocatoria diciamo allora che non possiamo pensare di essere dei perfetti educatori, con una competenza innata… Ancora di più, non è pensabile che, senza questa competenza perfettamente formata, sia impossibile fare gli educatori. Ci si arriva per gradi…

 

Le contraddizioni, le divergenze, sono esperienze normali in un gruppo. L’importante è gestirle, anche davanti agli occhi dei ragazzi!

 

Pensiamo ad un altro tipo di situazione che possiamo usare come termine di paragone: partire per una vacanza con gli amici…. E’ una situazione ottimale, dove il gruppo si forma perché le persone si scelgono reciprocamente, eppure qualche volta, dopo un po’ di giorni vissuti insieme, qualcosa comincia a scricchiolare.

 

A maggior ragione questo capita in un contesto lavorativo (l’equipe di educatori) o anche di animazione in oratorio, in cui le persone non si scelgono reciprocamente, ma anzi il gruppo si forma perché qualcuno mette insieme i vari componenti davanti ad un progetto comune.

 

Secondo noi è fondamentale che affrontiamo le divergenze, ma non come scontri tra persone, bensì come confronti tra pareri diversi.

 

I ragazzi infatti percepiscono se gli educatori non si sopportano come persone, oppure se si sforzano di trovare un punto d’incontro quando hanno opinioni differenti.

 

E’ indispensabile affrontare la complessità relazionale, e non passare ai ragazzi il messaggio che, se qualcosa non va con i colleghi, sia bene fare finta di nulla.

 

Il confronto è necessariamente anche mettersi in discussione, rinunciare a un pezzettino della propria idea per accogliere quella di altri, senza per questo perdere la nostra personalità.

 

 Questi sono degli ottimi argomenti di formazione anche con i ragazzi; possiamo trovare inoltre degli strumenti animativi coinvolgenti per parlare di relazioni significative. In questo modo offriamo anche ai ragazzi degli elementi utili per rielaborare le dinamiche che loro osservano nel gruppo dei loro educatori.

 

  Ultimo consiglio: non scoraggiarsi!

 

 Lo staff Lo Spiazzo

 

 

 

EEDUCARE2.2b-29

libri 
 bacheca
siti amici  siti amici1siti amici face
siti amici2siti amici face
siti amici3siti amici face
siti amici4siti amici face
siti amici5siti amici face

EDUcazione.Cultura.Animazione.Relazione.Esperienze

bayanlarankara.net ankaraescortc.net ankaralibayanlar.com samsunescort.asia ankaratcescort.org

Informativa ai sensi dell'art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la pagina "Informativa sui cookie".
Chiudendo questo elemento o interagendo con questo sito senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie di cui fa uso il sito.